Parola d’ordine: sobrietà ovvero il Natale sulla Quinta

È il luogo/mito per shopping, la strada più famosa e più cara (pare che gli affitti siano da capogiro) al mondo. Nei suoi 10km di lunghezza si passa dai negozi dei new designer di Soho, al lusso sfrenato dei 25 isolati fra la 34th e la 59th Street, per poi costeggiare Central Park e perdersi ad Harlem. Qui tutto è griffato e lontanissimo da quanto presentato finora in questo blog. Quindi perché parlarne?

Perché in questo angolo di mondo la parola sobrietà non è contemplata e passeggiarvi nel periodo natalizio è un’esperienza da non perdere. Quello che era un semplice articolo è così diventato una gallery fotografica…

Grattacieli
Passeggiare per New York di per sé non è una cosa semplice, staresti sempre con il naso per aria per ammirare i palazzi che si perdono fra le nuvole…
1
Anche se improvvisamente potresti ritrovarti sotto una foresta di luci, con tanto di scoiattoli (finti) che spuntano fra i rami, indeciso se cercarli tutti o lasciarti attrarre dalle vetrine del più antico grande magazzino della città Lord&Taylor…
2
Non avete un’entrata da trasformare in pergolato? Che problema c’è? È sempre possibile rivestire il proprio palazzo di luci, in modo discreto oppure impacchettarlo – e visto che siamo da Cartier perché non mettere anche qualche pantera sulla facciata?
3
Se invece siete la leggenda della gioielleria americana distinguersi significa abbagliare turisti e non con una decorazione scenografica non solo fuori, ma anche all’interno – che poi non è necessario visto che i contenuti delle vetrine brillano già da soli. Per i famosi charms in argento dovete salire al terzo piano, con un ascensore provvisto di inserviente e musica in sottofondo, dopotutto… Siamo da Tiffany!
4
Preferite non trasformare il vostro palazzo in un gigantesco scintillare di luci? Puntate allora sulle vetrine come Van Cleef&Arpels, che le trasforma in una giungla in cui nascondere magnifici gioielli oppure le creazioni oniriche con abiti e accessori di Bergdorf & Goodman.
5
Una cornice come quella del Rockfeller può facilitare la scenografia: una prospettiva di angeli e luci conduce lo sguardo verso uno degli alberi di Natale più famosi al mondo, che sovrasta una pista da ghiaccio stagionale che gli contende il titolo… E se la vostra bottega di mastri cioccolatai si affaccia per caso lungo il percorso… Beh, le decorazioni a tema potrebbero essere molto golose!
6
Se siete quindi il più famoso marchio di costruzioni, abituati a fare del vostro negozio uno scrigno di meraviglie, il minimo che possiate fare è riprodurre tutto questo nelle vostre vetrine e costruire un drago che sorveglia le decine di cassettini pieni di mattoncini di qualsiasi grandezza e colore.
Saks
Ma il re della via è di sicuro Saks, che non si accontenta delle luci e inchioda i passanti – spalle al Rockfeller – per un bellissimo spettacolo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...