Barbie: The Icon. Una grande mostra

Ultimi weekend per andare a vedere Barbie. The Icon allestita presso il MUDEC in via Tortona a Milano. Vi chiederete perché mai parlarne qui eppure sodalizio fu più stretto di quello di Barbie con la moda, nata come teenage model nel 1959 ha iniziato la carriera proponendosi come bambola alla moda ed ha finito col dettarla! Ma procediamo con ordine…

La mostra ripercorre la storia della cinquantenne più affascinante della storia moderna, in cinque che la raccontano attraverso il suo rapporto con il mondo e i cambiamenti vissuti dalla società dagli anni ’60 ad oggi. Icona di moda e stile, amata oppure odiata, Barbie non è stata solo un giocattolo ma ha attraversato confini ed epoche impersonando sogni e desideri di intere generazioni di bambine in tutto il mondo. Una sala introduttiva che fornisce informazioni e curiosità sulla bambola più famosa del mondo, che dalla seconda metà degli anni ’60 inizia a dettare moda grazie al sodalizio fra la casa produttrice della bambola ed importanti nomi della moda – qui ricordiamo: Ralph Lauren, Donna Karan, Moschino, fino ad arrivare negli anni ’80, a creare una serie di bambole con un guardaroba a marchio Benetton. I modelli più importanti sono tutti qui in mostra, pezzi unici o abiti in serie limitata, che vi faranno ripercorrere la storia della moda degli ultimi 30 anni. Una bambola per cui il look ha un’importanza fondamentale, visto che fra sarti e disegnatori pare siano coinvolte ben 100 persone per realizzare un solo outfit!

Si passa quindi alla sezione dedicata al mondo di Barbie, fra casa, hobby e amici; cui segue quella più affascinante chiamata Barbie Carreers. Sapevate che Barbie nella sua storia ha intrapreso circa 150 carriere? Se negli anni ’60 era una fashion editor, dopo lo sbarco sulla Luna ha fatto l’astronauta. Si è poi cimentata come poliziotta, hostess, pilota e negli anni ’90 è anche entrata nell’esercito. Una donna così dinamica non poteva non viaggiare in tutto il mondo, dalle Hawaii al Giappone passando per l’Europa. All’inizio erano solo gli abiti a cambiare, poi Barbie ha iniziato anche ad essere multietnica, anche se ha dovuto attendere gli anni ’80 per cambiare il colore della pelle.

Ed infine arriviamo all’incontro fra Barbie e il mondo delle celebrities, con i pezzi da collezione che impersonano Liz Taylor, Audrey Hepburn, Marilyn Monroe e molte altre dive nei loro personaggi più importanti, da Rossella O’ Hara alla Sandy di Grease. Per chiudere poi con alcuni grandi personaggi storici come Maria Antonietta o Caterina De’ Medici.

Per maggiori informazioni potete consultare il sito della mostra http://www.mudec.it/ita/barbie/, che resterà aperta fino al prossimo 13 marzo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...