Mostar: dove oriente e occidente si incontrano

Crocevia di culture, in bilico fra oriente e occidente, la Bosnia porta ancora le cicatrici della guerra sebbene siano passati ormai 20 anni. Il borgo medievale di Mostar e il suo ponte, sono diventati un simbolo della distruzione e della resurrezione di questa piccola nazione e del suo popolo, che più altri ha sofferto soprattutto per la frattura culturale che vive quotidianamente (sul territorio convivono in quasi egual misura musulmani e cristiani – questi ultimi divisi in cattolici e ortodossi).

Ad un primo impatto la città vecchia sembra una Disneyland ad uso e consumo dei turisti: è tutto così bianco, nuovo e perfetto, con le botteghe che allineano le merci lungo la via… Ma arrivati al ponte il chiasso da bazar scompare e Mostar rivela tutto il suo fascino con le rive punteggiate di campanili e minareti, che si mischiano e confondono, e al centro la Neretva color smeraldo.

L'antica strada degli orefici, centro della Mostar medievale
L’antica strada degli orefici, centro della Mostar medievale

E quindi cosa è possibile acquistare? Addentrandovi nelle strette vie della città vecchia troverete un po’ di tutto: tappeti, monili, pellami, tele e tappezzerie, intagliatori di legno, vetri, ed anche narghilè e lampade di Aladino! Preparatevi ad un’ardua ricerca fra paccottiglia varia, in negozietti del tutto simili gli uni agli altri… Ho pensato e ripensato a come impostare questo articolo e credo seguirò il percorso come una passeggiata, da occidente a oriente.

Imboccata l’area pedonale e superata la piazzetta, dove troverete l’ufficio informazioni per i turisti, vi accorgerete subito perché quest’area è chiamata “il vecchio bazar”, i negozi all’interno sono piccoli e tutta la merce viene esposta sulla strada. Molte delle botteghe nascondono dei veri e propri laboratori artigianali, come la giovane ragazza che gestisce un negozio poco oltre la piazza, che sferruzza scarpine per neonati fra un cliente e l’altro – le riproduzioni delle All Stars sono tenerissime! Oppure il gioielliere sulla destra del bar Marshall, che crea monili in rame molto belli dai tagli moderni e minimalisti. E’ l’unico ad avere dei pezzi originali, i prezzi per quanto più cari degli altri sono abbordabili – bracciali intorno ai 20€ e orecchini sui 10€.

Alla strada che conduce al ponte si accede da una piazza
Alla strada che conduce al ponte si accede da una piazza
Fra i prodotti più originali le All Star all'uncinetto
Fra i prodotti più originali le All Star all’uncinetto
Fra ricordi della guerra e souvenir ricavati da vecchi proiettili
Fra ricordi della guerra e souvenir ricavati da vecchi proiettili

Proseguendo verso il famoso ponte troverete i posti migliori per l’acquisto di bijoux. Dai gioielli in rame smaltato – fermatevi alla prima bottega dopo il ristorante Sadrvan, la proprietaria oltre ad essere incredibilmente gentile ha buon gusto e se volete abbinare orecchini e braccialetti vi aiuterà di buon grado – a prodotti in puro stile orientale, dalle montature importanti talvolta in argento e pietre dure.

La scelta di gioielli in rame è vastissima
La scelta di gioielli in rame è vastissima
E' possibile scegliere anche fra gioielli in pietre dure
E’ possibile scegliere anche fra gioielli in pietre dure

Attraversato il ponte  immergetevi nel lato turco della città. Siamo nella Kujundziluk, o via degli orefici, da questo lato del fiume si possono acquistare a buoni prezzi articoli di pelletteria, ceramiche, vetri e tessuti. Divertitevi a curiosare fra le pile di cuscini e pashmine o sulle mensole sovraccariche di oggetti di ogni tipo, e come nella migliore tradizione sentitevi anche liberi di contrattare! Se cercate un souvenir originale da portare a casa vi suggerisco penne, portachiavi e piccoli soprammobili fatti con i vecchi proiettili.

Se siete invece alla ricerca dei tappeti poco prima della Moschea del pascià Koski Mehmed c’è una piazzetta, dove fra un’argenteria e un ristorante sono appesi tappeti di tutte le fogge e misure – difficile non trovare quello che fa al caso vostro!

Piatti e articoli in ceramica per la casa
Piatti e articoli in ceramica per la casa
Di moda quest'anno anche le tracolline, qui in pelle decorata
Di moda quest’anno anche le tracolline, qui in pelle decorata
Racchiuso fra un ristorante e un'argenteria un negozio di tappeti con vasta scelta
Racchiuso fra un ristorante e un’argenteria un negozio di tappeti con vasta scelta

Il cortile dell’antica moschea ospita un interessante negozio (il primo sotto i portici appena entrati)per comprare abbigliamento: camicie di foggia orientale, gonne lunghe e vestiti fantasia o bianchi, alcuni ricamati a mano. Nella piazza affacciata sul fiume, poco oltre le mura della moschea, si tiene ogni giorno un mercato, dove acquistare prodotti agricoli, vini e liquori della zona; se siete fortunati potreste trovare anche qualche anziana signora che propone su bancarelle improvvisate vecchi abiti, cimeli militari e qualche oggetto casalingo che potremmo definire vintage. L’antica strada degli orefici è finita, è ora di tornare indietro o di proseguire sulla strada commerciale moderna o Brace Fejica – più interessante dal punto di vista turistico, fra negozi “moderni”, bar ed edifici che ancora portano le tracce della guerra.

Nel cortile della moschea botteghe di abbigliamento
Nel cortile della moschea botteghe di abbigliamento
L'interno dei negozi è molto piccolo e le merci sono tutte esposte all'esterno
L’interno dei negozi è molto piccolo e le merci sono tutte esposte all’esterno
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...